home
• Home • Commenti • Biografia • Spigolando tra storia e ricordi personali • Video • Contatti

TERREMOTO 1920 A BORGO A MOZZANO (crollarono i campanili di Gioviano e Partigliano)

Forse non abbiamo mai approfondito quali furono i  danni sul territorio di Borgo a Mozzano, causati dal forte terremoto che,  il 7 settembre 1920,  colpì la Valle del Serchio e, in particolare, alcuni paesi della Garfagnana (esempio: Villa Collemandina).
Sapevo che il sisma aveva provocato la caduta del campanile di Gioviano e la conseguente rovina di una parte della chiesa parrocchiale e che, molte delle case del nostro territorio, furono, nell'occasione, rinforzate con catene di ferro sui muri esterni. Campanile e chiesa, a Gioviano, furono ricostruiti in breve tempo sotto la guida del parroco Mons. Alberto Santucci, che concluse la sua vita pastorale nella Parrocchia di San iacopo di Borgo a Mozzano (e lì è sepolto).

Avendo accompagnato mia figlia Ilaria alle prove per un concerto a Partigliano, il 26 dicembre 2014, mi è capitato di leggere in fondo alla chiesa parrocchiale (di San Giusto e Clemente) un lungo elenco di benefattori che permisero, con i loro aiuti, la "ricostruzione del campanile e della chiesa" danneggiati proprio dal rovinoso sisma del 7 settembre 1920. Complessivamente, come si legge nell'elenco, furono raccolte 55.226,51 lire e ne furono spese 52.632,10. Tra le più generose quelle del Cav. Aurelio Bassi (£. 20.000,00) e dell'Arcivescovo di Lucca, Mons. Arturo Marchi (£. 1.500,00).

testo inserito il 27.12.2014





www.gabrielebrunini.it - Cookie Policy - Privacy - Sitemap
Realizzazione Sito: ZonaVirtuale - Siti Web Lucca